che cos’è l’amor? chiedilo al vento *

certe volte
ti guardo
da lontano
sorrido amaro
e penso:
si sta insieme
per molto meno
costruirsi
una gabbia attorno
e dirsi va tutto bene
fino a farselo
bastare

* Che coss’è l’amor – Vinicio Capossela

morgana! *

sai
non lo sai
e non sarò certo io
a dirtelo
ogni cosa
cessa di avere importanza
nell’indifferenza

piano inclinato
tutto scorre
verso il fondo
inesorabilmente
e io
non oppongo
resistenza alcuna
a un certo punto
comincia a piacermi
e mi godo
il paesaggio
anche se fa schifo
penso
ma non ne sono più sicuro
sicuro, cosa vuol dire ora?
in questo preciso momento
dove tutto è precario
anche se lo è sempre stato
che ci chiamano giovani
fino a quarant’anni
perché siamo acrobati
su un filo
perché ci hanno incastrato
in un’instabilità
senza via d’uscita
con le loro scelte
di merda
le parole sono importanti
benché qualcuno
dica che contano le intenzioni
ma quando usi un termine
piuttosto che un altro
non lo fai intenzionalmente
o usate le parole a caso
giusto per dare fiato?
sono passati
più di vent’anni
e siamo ancora fermi
a quelli che ben pensano

* Fata Morgana – Litfiba

I desideri non invecchiano quasi mai con l’età *

da troppo tempo
non ti sento,
da troppo tempo
se ci sei
lancia un sasso
in questo buco
di emozioni
stagnanti
dove sei finito?
non riesco più
a scorgerti
negli sguardi
nei gesti
in sorrisi improvvisi
regalati
non riesco più
a immaginarti
a fare sogni erotici
a disegnare
prati fioriti
dove gli altri
vedono deserti
forse, ho smesso
di cercarti
per paura di perdermi
ancora
per paura di perdere
ancora
questa tranquillità
anestetizzante
che non fa male
ma non lascia niente
se non giorni
senza ricordi
e senza ricorrenze
da rinnovare
dove sei, amore?
che ne è stato
del tuo pulsare?

* La stagione dell’amore – Franco Battiato

c’è chi si mette degli occhiali da sole per avere più carisma e sintomatico mistero *

ho ritrovato, per caso,
una foto
in cui tenevi una cassetta
piena di peperoni
e t’ho sognata
com’eri
in quel modo
che mi aveva fatto
innamorare
quando di nascosto
sotto il tavolo
cercavi la mia mano
a volte, la stringevi
a volte, la pizzicavi
e all’orecchio
mi dicevi: giochiamo
alzavi il sopracciglio
e sorridevi, tanto,
ora quasi non me lo ricordo
ma avevi quella bellezza,
quella che solo certi libri
sanno avere
e non vuoi vederli finire
e quel sogno
mi pareva talmente reale
che ci sono rimasto male
appena mi sono svegliato
ripensando
a quanto la vita
ci abbia indurito
e a tutte le volte
che ci siamo negati
uno sguardo,
un abbraccio,
una carezza sul viso
o un ‘fanculo rumoroso

* Bandiera bianca – Franco Battiato

cosa comporta considerare se è vero amore oppure no *

dicevi di amarmi
a giorni alterni
ma mi chiamavi
sempre
in quelli sbagliati

a volte,
vorrei dire tanto
altre, invece,
mi fermo e penso:
la vita stessa
darà le risposte
solo che bisogna
saperle leggere
e soprattutto
accettare,
imparare dagli errori
che è sempre
più facile
a parole
sarei riuscito ad amarti
come avresti voluto?
non credo proprio
t’avrei amato
come mi viene,
magari molto male,
ma senza bluffare

* Tre di tre – Marlene Kuntz

i calci di rigore sulla traversa *

oggi mi fermo
voglio staccare
da tutto
mi metto sul divano
e mi osservo
dall’esterno
prendo tempo
e nello stesso modo
lo perdo
e mi ricordo
che certe volte
mi ricordo di te
fuori
da questo foglio
i capelli arruffati
e la salopette
slacciata
da un lato
che ridi di qualcosa
apparentemente
senza senso
se è un grido d’aiuto
non vengo

* Manifesto – Bandabardò

il vento è come il treno, poetico ma rompe il cazzo *

il dolore che
provochi,
ormai,
non è più reale
è solo una proiezione

non io
ma il poeta
ti ama ancora
solo per tirare
fuori parole
da un cassetto stracolmo
di quelle collaudate
non io
ma il poeta
ti ricorda
in qualche scena
lontana nel tempo
nello spazio
e in qualche altra
dimensione
non io
ma il poeta
si prende pure
le tue colpe
e le silenzia
facendo
di una storia banale
un dramma
non io
ma il poeta
ti vuole ancora
ad alimentare voglie
ormai superate
dal corso degli eventi
dagli anni distanti
e dalle lontananze
d’intenti
modernariato emotivo
che una musa ci vuole,
si dice,
se non altro
per darsi un tono
non io
ma il poeta
ti scrive versi
più o meno
intensi
più o meno
scarsi
e tutte le volte
che succede
mi state sul cazzo
entrambi

* Senza titolo – Lucio Corsi