sarebbe bello una sera doverti riaccompagnare *

sarei stato
un bravo scrittore
d’inizi
se solo avessi
cominciato
le premesse
mi piacciono
perché fanno sognare
a dispetto
di quanto diceva Dalla
mi sono perso
di notte
a Bologna
ho camminato per ore
prima di arrivare
alla stazione
a volte,
mi manchi
e sento che è
importante
ma il tuo profilo mi sfugge,
nei contorni
sfuma leggermente,
e devo cercare
di ricostruirlo
dai frammenti nella memoria
e dai ricordi
nei miei polpastrelli

* Viaggi e miraggi – Francesco De Gregori

che c’ho un ricordo molto bello

c’è un vento forte stanotte
ed è per questo
che non riesco
a dormire
ho finito un altro libro
e non so cos’altro fare
così scrivo due parole
prima di dimenticarle

ma ancora una volta
non dirò niente
che è molto meglio
che c’ho un ricordo
molto bello
e non voglio sciuparlo

ogni tanto
mi viene voglia
di abbracciarti forte
per sentirmi protetto
mentre dovrebbe
essere all’inverso

oh quante parole ti cantano, cullando i cliché della gente, cantando canzoni che è come cantare di niente *

ogni tanto mi fermo
e riprendo fiato
quando
delle parole sono stufo
cerco rifugio
nei posti che ho amato
nei luoghi che
mi hanno formato
come uomo
e allora Bologna
è sempre in cima alla lista
anche
nei giorni di pioggia
coi suoi portici
che sanno ripararmi
e quando ci cammino sotto
sanno pure rigenerarmi
non come momento
com’eravamo
ma piuttosto
a che punto siamo

e poi tornare a casa
ogni volta
è sempre più traumatico
con la voglia di mollare tutto
e la paura di non riuscire a farlo
le responsabilità
che t’inchiodano,
soprattutto quelle morali,
per una terra che, spesso,
non si merita il tuo sforzo
la tua dedizione
la tua voglia di fare
mettersi a disposizione
provare a migliorare
e ritornare alle parole
quelle di sempre
quelle che dicono tutto
ma non valgono più niente
che sono diventate vuote
per colpa delle mille promesse
tradite
da uomini che ritornano
periodicamente
a chiederti ancora
fiducia
perché questa volta
è la volta buona
senza sapere di cosa
quando, semplicemente,
potrebbe essere la volta buona
per non votarli
e lasciarli fuori
dai posti di comando e controllo
fuori dalle decisioni
a cui, ormai, non appartengono
perché fuori, lo sono già da anni,
da una realtà, da una società,
che è andata molto più avanti
del loro teatrino
che si ripete e si autoalimenta
riproponendo sempre
gli stessi gesti
le stesse parole vuote

* Bologna – Francesco Guccini

foto d’artista, canali locali e tautologie varie

di risate
su foto d’artista
in un museo
quasi deserto
su programmi
molto surreali
in canali locali
venti pagine
di Barthes
e ho scartato
tutto quello che
avevo scritto
perché
mi sembrava
scadente
mi è rimasta
la sensazione
sulle mie dita
della tua pelle

fottendosi da sé, fottendomi da me, per quello che non c’è *

polvere sui mobili
sugli scaffali
sulle mie emozioni
leggo un libro
e ripenso
a vecchi amori
settembre
un tempo mischiava
le mancanze
alle ripartenze
le aspettative
alle domande
ora è solo malinconia
ai primi giorni di pioggia
com’ero a vent’anni?
tu te lo ricordi?
a me sembra
così sbiadito
che quasi più
non m’appartiene
ma se mi concentro
per bene
riesco a sentire
il rumore bianco
in sottofondo
di certe notti
in cui liberavo sogni
dalla finestra
al quarto piano
di un palazzo bolognese
lontano da casa
e da queste maledette radici

* Quello che non c’è – Afterhours

quel che sono l’ho voluto io *

ogni tanto
somiglio a mio padre
ogni tanto
scopro una parte di me
che non mi piace
ma a poco a poco
la comprendo
credi che non avrei
bisogno, a modo mio,
di carezze
o di un paio di tette
su cui poggiare
la testa stanca
due tre parole
possono creare
confusione
ma non per questo
non le dobbiamo dire

* Piazza grande – Lucio Dalla

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito