io, io, io solo contro il mondo, è meglio se mi calmo *

e poi certi giorni
quando faccio il pieno
sbotto
e inizio a imprecare
contro il mondo,
questo mondo
a misura di furbo,
anche se, alla fine,
non serve a niente
e allora
metto la musica a volume alto
e inizio a cantare
e a ballare
e a saltare
e quasi tutto passa
fino alla prossima volta

* Prova a star con me un altro inverno a Pordenone – Tre allegri ragazzi morti

frutta e frazioni

perché devo credere di essere
l’altra metà di una mela
e non posso semplicemente
esserne una intera?
che avete rotto il cazzo:
trovati qualcuno con cui stare
che ti devi sistemare
un lavoro
una famiglia
dei figli da accudire
e tutti i passaggi
del vivere comune
una casa
una macchina
le rate da pagare
una felicità
da inseguire
senza mai riuscirne a godere
andare solo avanti
come in un videogioco bidimensionale
la vita è quello che ci accade
mentre continuiamo a progettare
un lieto fine
ma esiste un solo
vero finale
a cui nessuno può sfuggire
fate quel cazzo che vi pare
iniziate a ballare
a cantare
anche se nessuno vi sta ad ascoltare
ridere spesso e piangere
non solo di dolore
amare
e lasciarsi ancora stupire

Grazie a Musa – a piedi scalzi. Un suo post ha ispirato questo.