sbronze e palle di natale

certe volte mi manchi
come se fossi reale
e vorrei poterti dire
cosa vorrei cambiare
dove vorrei andare
tra quali braccia
mi voglio rifugiare
continuo ad indugiare
a sperare in questa
disperazione
continuo a lasciare
pezzi di parole
pezzi di cuore
pezzi di rivoluzione
in posti che non riesco
più a ricordare
ma soprattutto
ora dopo ogni sbronza
impiego molto più tempo
per recuperare

Annunci

e parlo male, ma penso peggio *

sono stato troppo lontano
da queste righe
senza un motivo particolare
forse dovevo riordinare
un po’ di casini
riporre e catalogare
scatole di ricordi
e di emozioni
tenerli lontani
dagli occhi e dal cuore
come se questo potesse bastare
forse avevo solo bisogno
di un nuovo punto di osservazione
di una distanza da cui guardare
con un angolo migliore

ma qui e ora
a questo suono di penna
sul foglio
mi emoziono ancora
che se chiudo gli occhi
respiro aria nuova
sto imparando a lasciarti
sul bianco
parola dopo parola
ma non ho disciplina
fottiti tu
e tutte le tue personalità
che poi in fondo
è sempre e solo una

leggo Ferlinghetti
ad alta voce
in lingua originale
ed è uno spettacolo
il suo modo di immaginare
accostare
incastrare
le parole
ognuna col proprio valore
ognuna con la sua direzione
che sa dove andare a colpire

* Licantropo – Marta sui tubi