and the wind did howl and the wind did blow la la la la la, la la la la lee *

non scrivo
da tempo
non ho trovato
il momento
giusto
e forse nemmeno
le parole
ho emozioni
sbiadite
in questi giorni
di fine estate
ho tanta voglia
di staccare
ritrovare
il silenzio
della solitudine
in mezzo
a degli sconosciuti
rifiatare
riordinare
ripartire
e rivedere
affetti lontani
con molto piacere
raccontarsi
gli ultimi pezzi
delle nostre vite
e poi
per qualche giorno
lasciarsi trasportare
dal vento
scegliendo
strade a caso
senza pensare
a un senso
a una direzione
a una meta
godersi il viaggio
assaporare il paesaggio
ritrovare slancio
capo, sono stanco
ma di stare fermo
e lasciarmi
sopraffare
dall’abitudine
al peggio
quando c’è bisogno
di bellezza
imparare
a riconoscerla
e custodirla

* Henry Lee – Nick Cave & the Bad Seeds ft. P.J. Harvey

mi chiede: sei pronto per la fine del mondo? sei pronto per la fine del mondo? *

ricordati ogni tanto di esplodere
non tenerti tutto dentro
liberare energia
per fare spazio ad altro
ogni cosa cessa di avere
la stessa importanza
se guardata dalla giusta distanza,
come gli esseri umani
da un satellite in orbita,
piccoli puntini neri in movimento
come formiche
senza lente d’ingrandimento
minuscoli essere viventi
in un universo
con distanze che manco riusciamo
a immaginare,
a calcolare,
anni luce:
come se fosse una cosa
al momento possibile
per i nostri corpi
trecentomila chilometri al secondo
disintegrazione delle coscienze
delle nostre sembianze
l’amore che muove il mondo
e anche le stelle
teoria senza nessun appiglio
logico e o razionale
pensare che un corpo celeste
possa minimamente fregarsene
delle nostre pene
di quello che abbiamo da dire
dei nostri drammi
nessuno ascolterà i vostri turbamenti
sudore su fogli bianchi immacolati
che macchia, poi, inchiostro
e lascia il segno su entrambi i lati
io ancora non riesco a fermarmi
a dire: sto fermo, in equilibrio,
in pace col mondo
tutto scorre e io ci penso
ai sogni nei cassetti,
al giro del mondo,
alle compagne di viaggio senza impegno
come se non fosse passato
troppo tempo
nonostante la relatività di tutto
quaranta sono i nuovi venti,
manco per il cazzo,
ma non li scambierei
se potessi farlo

* Naufragando – Management del dolore post-operatorio

quest’estate che ci cola tra le gambe, dici che leccarla ti dà un senso *

l’estate scandisce il mio tempo
mi ricorda la lontananza dai vent’anni
e per questo, credo, di aver cominciato
a odiarla
il mare spensierato nei ricordi
diventa un luogo
da cui spiare il corso degli eventi
di questa società
sempre più superficiale
e sempre più distaccata
da tutto quello che, forse,
pareva avere importanza
ma non eravamo anche noi cosi?
mi chiedo
giovani pronti a tutto
con il sorriso sulle labbra
l’estate un momento atteso
per rifiatare e riorganizzarsi
frammenti di amori e sbronze
rincorrere le albe incuranti
della vita degli altri
quella di tutti i giorni
e ora che anche io
la vivo in questo modo
nella routine quotidiana
mi sento tradito
da questa stagione frivola,
che ha sempre promesso
ma non ha mantenuto niente,
diventata sudore e bestemmie

* L’estate – Afterhours

io certi giorni vorrei solo essere triste e incazzato e non sentirmi anche sbagliato *

come quando
sogni di cadere
e ti svegli
di soprassalto
toccandoti
il ginocchio sbucciato
da bambino
mi succedeva spesso
ora mi capita
di immaginarmi
in apnea
riemergere dal fondo

io ci provo
a fare del mio meglio
ogni giorno
senza chiedere
niente in cambio
se non la speranza
che possa servire
veramente
a qualcosa

i ricchi
fanno le guerre
ma le lasciano
combattere
ai poveri
tra di loro

* Fare schifo – Willie Peyote, Michela Giraud

è tutto il contrario del profumo dentro al nostro letto, dove ho lasciato quel libro che non hai mai letto *

quante cose
da imparare
ancora
sulla vita
sull’amore
e l’essere umano
in generale
sulle guerre
che ognuno combatte
e magari fa finta
di niente
sui giudizi della gente
anche se
non ti conosce
sugli usi e i costumi
che ci sembrano strani
così lontani
sugli occhi
che mi stanno davanti
e raccontano storie
intense
di risate
o di pianti
cuori che battono forte
e sorrisi
di meraviglia
abbracci potenti
e mani che tremano
senza motivi
apparenti
che siamo fragili
anche con le armature
isole bagnate
da mari
di solitudine

* A volte le cose vanno in una direzione opposta a quella che pensavi – Umberto Maria Giardini

voi ci volete comprare, noi ci vogliamo salvare *

che “sono”
anche senza apparire
e posso dire
tanto
anche senza parlare
basta un gesto,
un colore,
prendere
posizione,
mi rivolgo a te
anche se
non so il tuo nome
se vogliamo
cambiare il mondo,
un poco,
dobbiamo partecipare

* Scatolette – Ministri

non c’è niente di male, non c’è niente di male, non vogliamo farci male *

mi sono rotto il cazzo
di queste parole
mi sono rotto il cazzo
del loro rumore
mi sono rotto il cazzo
anche se così
sembra quella canzone
mi sono rotto il cazzo
di rompermi il cazzo
e questa sembra quasi
saggezza popolare
che ne dici
di andare a bere?
di scordarci del resto
e girovagare?
ballare a un concerto
e baciarci senza timore?
che anche così
è amore

* Woow – La rappresentante di lista

e abbracci nucleari estesi nell’immensità, dove tu mi stai aspettando adesso *

certe notti
non dormo
senza un motivo
apparente
certe volte
ti penso
ma non è importante
certe volte
mi faccio delle domande
e non trovo risposte
certe volte
mi arrivano risposte
senza essermi
chiesto niente
non so dirti
se va male o bene
in questo preciso momento
alle quattro di notte
c’è che a volte
sono troppo
altre non mi basto

* Universo – Cristina Donà

Tre: stringimi forte che non so che fine faccio *

per strada
e non ricordo
dove e quale
mi sono perso
le parole
da un po’ di tempo
magari, è un momento
magari, pure lungo
ma la notte
ci penso spesso
penso,
a metterle in fila
una dopo l’altra
a cercare
di comporre una storia
magari, questa storia
la mia storia,
una storia normale
della mia generazione
senza vento
senza guerra
senza futuro
in perenne presente
sempre in bilico
pure nei sentimenti
e questo non scrivere
mi fa male
che prima o poi
le dovrò pure
raccontare
queste cazzo
di emozioni
in rivolta
anche se
vi sembreranno
uguali
a milioni di altre

* Stupida canzone – Fast animals and slow kids

oh quante parole ti cantano, cullando i cliché della gente, cantando canzoni che è come cantare di niente *

ogni tanto mi fermo
e riprendo fiato
quando
delle parole sono stufo
cerco rifugio
nei posti che ho amato
nei luoghi che
mi hanno formato
come uomo
e allora Bologna
è sempre in cima alla lista
anche
nei giorni di pioggia
coi suoi portici
che sanno ripararmi
e quando ci cammino sotto
sanno pure rigenerarmi
non come momento
com’eravamo
ma piuttosto
a che punto siamo

e poi tornare a casa
ogni volta
è sempre più traumatico
con la voglia di mollare tutto
e la paura di non riuscire a farlo
le responsabilità
che t’inchiodano,
soprattutto quelle morali,
per una terra che, spesso,
non si merita il tuo sforzo
la tua dedizione
la tua voglia di fare
mettersi a disposizione
provare a migliorare
e ritornare alle parole
quelle di sempre
quelle che dicono tutto
ma non valgono più niente
che sono diventate vuote
per colpa delle mille promesse
tradite
da uomini che ritornano
periodicamente
a chiederti ancora
fiducia
perché questa volta
è la volta buona
senza sapere di cosa
quando, semplicemente,
potrebbe essere la volta buona
per non votarli
e lasciarli fuori
dai posti di comando e controllo
fuori dalle decisioni
a cui, ormai, non appartengono
perché fuori, lo sono già da anni,
da una realtà, da una società,
che è andata molto più avanti
del loro teatrino
che si ripete e si autoalimenta
riproponendo sempre
gli stessi gesti
le stesse parole vuote

* Bologna – Francesco Guccini

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito