distanze, ricorrenze, coincidenze

pensavo a lettere d’amore postume
all’importanza della puntualità
di certi gesti e certe parole
inseguire qualcosa fino ad afferrarlo
e poi lasciarlo andare
come si faceva con gli uccellini da bambini
non sono riuscito ad esternare ogni cosa
perché, forse, avevo paura
di essere ancora deluso
sono stato solo un capriccio
una scommessa da film americano
credere al matrimonio in chiesa
vuol dire, pure, arrivarci vergini,
mia cara
erano solo puttanate
solo un’altra scusa
che andava ad unirsi alle altre:
distanze, ricorrenze, coincidenze
priorità non capite
momenti non vissuti
sogni infranti sotto casa
azzerare ogni cosa
ricominciare da capo
e ancora una volta scoprire
che fa male questa cosa
di sigillare i ricordi in uno scatolone
con scritto un nome

su una pila di sedie

seduto su una pila di sedie
mentre gli altri guardano
una trasmissione
che dovrebbe fare ridere
io mi ritrovo
a farmi schiaffeggiare dal vento
e a pensare che a volte,
senza un motivo apparente,
mi manca toccarti
e forse pure parlarti
anche se, ormai,
non avrei niente da dirti
ma la mancanza
diventa abitudine
col tempo
poco o tanto
è solo relatività del dolore
di quello che c’è
di quello che rimane
che più ci pensi e più
sembra non passare
c’era quella frase
che ci descriveva bene:
potevamo essere rivoluzione
invece, siamo solo un altro
stupido luogo comune

we’re not the same, we’re different tonight *

mi chiedi come sto?
ma non parli mai di te
sarebbe stato diverso con te
e lo sarebbe stato anche senza di te
ma ritornando
alla domanda fondamentale:
come sto?
non lo so come mi sento
alcuni giorno sto bene
altri vorrei scappare
ma soprattutto trovare
una vera direzione
piuttosto che continuare
a lasciare porte aperte
perché non mi vieni a trovare?
sarebbe bello viverti ancora
quando l’altra volta hai detto:
scendo da te
mi si è riempito il cuore
ma tutto è svanito in fretta
e mi è rimasta solo l’illusione
ora è di nuovo notte
ho camminato tanto
e sembra non sia arrivato
a nessuna destinazione

* Tonight, tonight – Smashing Pumpkins

fare come quando piove e io mi scordo l’ombrello *

tra palazzoni, scale mobili
e la bellezza eterna
stupirsi in metro
di uno che ha comprato una fionda
e di conseguenza
perdere la fermata
ma era felicità
correre sulle strisce pedonali
rischiando di farsi investire
e col fiatone
dopo una salita
ridere su una panchina
di una canzone in testa
che non se ne vuole andare
tenerti una cartina
e poi gustarsi in silenzio
l’aroma
e anche la Roma
che sa ancora farti
innamorare

* E’ sempre bello – Coez

come si porta un maglione sformato su un paio di jeans *

è una di quelle sere
di nebbia e nostalgia
piccoli particolari
diventano coincidenze
e a loro volta
rievocano ricorrenze
la pubblicità del film
sottofondo alla nostra prima volta
quando ti sei sentita pronta
e io pensavo a un gioco intrigante
con la paura di poterti far male
quindi, nessuna difesa
ora sembra passata un vita
da quelle notti
da quelle parole
da quegli sguardi
che, a volte,
faccio fatica a ricordarli
anche se sono
un parte importante
di me
per questo, a volte,
mi manchi

Farewell – Francesco Guccini

ma non sarò neanche tanto stupido da credere che il mondo possa crescere se non parto da me *

e allora cosa vuol dire mi dispiace?
credi che sia utile
a farmi sentire più sollevato
o che possa alleggerire
la portata della stronzata?
è stata solo cattiveria
e non era nemmeno la prima volta
anche se hai raggiunto un livello estremo
e se lo meritavo, mi sono già scusato
svariate volte
e mi sono preso pure le tue colpe
a suo tempo
ma, ancora, non capisco il senso
anche l’altra volta mi hai detto:
mi sono innamorata di un altro
mentre eravamo sul letto
dopo aver fatto sesso
io e te
non capisco la necessità
della confessione dei tuoi amori
non capisco questo scusarti
in fondo, se non vuoi tornare indietro
perché questa malinconia
o nostalgia
o qualsiasi altra cosa sia
non mi sembra di aver chiesto spiegazioni
ho solo mantenuto l’ultima promessa
perché credo che la parola conti ancora
e non ho guardato al passato
altrimenti non avrei avuto nessun buon motivo
c’eri tu in quelle pagine
e non l’ho mai negato
non mi sono mai vergognato di quello che provavo
a differenza
a differenza di te
e non ho mai avuto paura
mi sembrava giusto dartene una copia
punto
senza aggiungere altro
senza rovinare il silenzio
con le solite stupide frasi
di circostanza
che non significano niente
e valgono ancora meno
per cosa poi?
ti ho già perdonato
solo perché l’odio non mi appartiene
e cerco sempre di essere un uomo migliore
soprattutto di me stesso

* Costume da torero – Brunori Sas

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito