Progetta un sito come questo con WordPress.com
Comincia

con un cucchiaio di vetro scavo nella mia storia, ma colpisco un po’ a casaccio perché non ho più memoria *

nuvole
come stato d’animo
e un pensiero
in rotazione
come un grido d’aiuto
lanciato nel vuoto
che non trova strada
che non si propaga
e vaga
in balia degli eventi
dei flussi cosmici
della fantascienza
che ho letto
di questi tempi
talmente strampalata
da sembrare attuale
fors’anche accettabile
rispetto al reale
ritorneremo
ai matrimoni combinati
dai padri
per toglierci
la responsabilità e la fatica
della ricerca dell’amore
per non sentirci soli

* Coda di lupo – Fabrizio De Andrè

nel vuoto

polvere
su libri di poesie
sulle mie
idee
su sogni
che ho
abbandonato
nell’ultima mensola
in alto
in fondo
lontano
dagli occhi
e da tutto

guerre stellari
ci ha mentito
per decenni
con le sue
battaglie spaziali
il suono
nel vuoto
non si propaga
come, del resto,
nel tuo cuore